Un nuovo modo di concepire la nostra convivenza sulle strade e il modo più concreto per prevenire gli incidenti.

Il Volontariato

FRATERNITA’ DELLA STRADA – MONDO X -

E’ ovviamente possibile offrirsi come volontari a Fraternità della Strada. Ma, come figli e allievi della scuola di vita di Mondo X, è opportuno comprendere prima la nostra concezione in proposito.

IL VOLONTARIATO IN FRATERNITA’ DELLA STRADA

Chi decide di prestare la propria opera come volontario è generalmente attratto dagli aspetti concreti e operativi: assi stenza agli ammalati, soccorso con ambulanze, ascolto al Telefono Amico e quant’altro. Organizzazioni, cioè, che confi gurano con chiarezza e immediatezza il tipo di collaborazione prevista, i turni, le gratificazioni.

Il volontariato in Fraternità della Strada, al contrario, sulle prime appare poco appariscente, poco tangibile. E invece, chi ha avuto la pazienza e la fortuna di perseverare nel suo nucleo operativo ha visto maturare con grande soddisfa- zione i frutti delle proprie e delle comuni osservazioni, degli approfondimenti, della creatività nel produrre forme in- novative per incidere nella coscienza degli utenti come nella propria e per promuovere una più umana e solidale con- vivenza sulle strade, da tutti ignorate come “la nostra casa comune”.

Cosa Fraternità della Strada si attende dai propri volontari

Chi intende proporsi come volontario in Fraternità della Strada deve innanzi tutto condividere i princìpi e gli ideali di Mondo X, di cui Fraternità della Strada è una forte emanazione, fondati essenzialmente su una progressiva evoluzione personale.
In particolare, in Fraternità della Strada, si perseguono:

  •   riflessione: su tutto ciò che avviene nell’ambito stradale, da considerare come uno specchio significativo della nostra convivenza, accantonando gli inutili e risaputi stereotipi a favore di concezioni più approfondite e per sonali;

  •   generosità: chi si offre come volontario in Fraternità si propone e cresce “operando” e non demandando le incombenze ad altri;

  •   rispetto e coerenza: verso ogni piccolo o grande impegno assunto, verso gli altri amici volontari e verso tutto ciò che fa parte della nostra vita, affinando la propria sensibilità e i propri rapporti in famiglia, nell’ambito lavorativo, nei rapporti sociali. Non ci si può cioè comportare bene in

    un certo ambito e male in altri.

    Fraternità della Strada non è e non vuole essere un luogo dove fare “ogni tanto” qualcosa di buono, continuando a essere condizionati dal proprio egoismo e dalla propria pigrizia. Tutti possono fare occasionalmente del bene: se si tratta però di una scelta, occorre capire che non potremo fornire qualcosa di utile e di incisivo agli altri se non lo co- struiremo con perseveranza dentro di noi.
    Con Fraternità della Strada ci viene offerta l’opportunità di esplorare la vita “dalla strada”, dove abitualmente conver- gono l’egoismo e la superficialità degli uomini, seminando il rispetto là dove c’è la noncuranza, la tolleranza anziché la prepotenza, l’aiuto invece del cinismo: un cammino certamente impervio perché controcorrente, ma anche costruttivo e gratificante.

    L’impegno dei volontari in Fraternità della Strada è assolutamente tollerabile e compatibile con le proprie attività abi- tuali. Da osservare sono comunque gli incontri (bisettimanali), partecipando attivamente agli approfondimenti, alle necessità operative e alla diffusione del messaggio di Fraternità.
    Ci si attende quanto meno che le eventuali assenze siano dovute a impegni veramente improrogabili o a seri motivi di salute, altrimenti si verrebbe a creare un vuoto incoerente e un freno operativo.

    In caso di assenze assolutamente forzate ci si aspetta almeno un preavviso e un interessamento successivo, come av- viene normalmente verso le persone o le cause che ci stanno a cuore.

    Gli incontri tra i volontari, così come tutte le attività di Fraternità della Strada, sono improntati alla dinamicità e alla creatività, ma questo clima deve essere supportato dalla volontà e dal contributo di ciascuno nel “fare fronte” a ogni incombenza e “costruire insieme” ogni piccolo o grande progetto.

News Associati

 

 

Associandoti riceverai gratuitamente le nostre News con notizie utili.

 

Clicca qui