Regolamento Interno

Regolamento Interno

Definizione e scopi

  1. a)  diffondere tra gli utenti della strada una più umana e responsabile convivenza, fondata su un preciso impegno di cor rettezza, competenza, tolleranza e reciproca assistenza;
  2. b)  partecipare attivamente al miglioramento della circolazione e soprattutto degli utenti, di ogni categoria stradale, me diante studi, ricerche, convegni, manifestazioni e apposite iniziative (Corsi di Educazione Stradale, di Educazione al Soccorso, campagne specifiche, ecc.).

Fraternità della Strada è un’associazione indipendente e senza fini di lucro, istituita da Mondo X nel 1965, che si pre- figge di:

Struttura organizzativa e competenze

Gli organi dell’Associazione sono: Assemblea dei Soci e Consiglio Direttivo.

ASSEMBLEA DEI SOCI
Costituita inizialmente dagli intervenuti all’atto costitutivo e/o da altri in seguito subentrati, ha il compito di:

  1. Mantenere le finalità e l’indipendenza originarie, con facoltà di intervento nei tempi e nei modi ritenuti più opportuni.
  2. Eleggere il Presidente, Vice-presidente e Segretario del Consiglio Direttivo, con mandato annuale.
  3. Approvare, nell’assemblea annuale, il rendiconto e i programmi indicati.
  4. Approvare eventuali variazioni allo statuto mediante Assemblea Straordinaria.
  5. Conferire e/o revocare mandati per delegazioni o cariche rappresentative.

Il titolo di Socio decade per decesso, dimissioni, inattività o attività contrarie o lesive nei confronti dell’associazione. In questi ultimi casi, il socio potrà avvalersi del diritto al contraddittorio, chiedendo con raccomandata la convocazione del Consiglio Direttivo e, in eventuale seconda istanza, un’assemblea straordinaria dei soci, accettandone le decisioni per maggioranza.

CONSIGLIO DIRETTIVO
Eletto annualmente all’assemblea dei Soci, ha i seguenti compiti:

1. Programmare le attività per diffondere e sostenere l’associazione.
2. Organizzare Corsi, incontri, studi e ogni iniziativa utile allo sviluppo dell’associazione e dei suoi intenti.
3. Istituire e mantenere rapporti con aderenti, enti, autorità, associazioni e mezzi di diffusione.
4. Concedere o revocare autorizzazioni a persone o enti per la conduzione di iniziative in nome di Fraternità

della Strada o per l’uso di materiale dell’associazione.
5. Gestire i fondi raccolti per le varie attività, mantenendo un’ordinata e aggiornata amministrazione, redigen

do un Rendiconto Economico al 31 dicembre di ogni anno.
6. Promuovere e coordinare l’attività di eventuali Delegazioni esterne, con relativi mandati o revoche ai re-

sponsabili designati.

ADERENTI
Sono tutti coloro che, pur non avendo obblighi sociali, ma condividendo la necessità di un preciso impegno personale per migliorare “concretamente” la vita sulle strade e prevenire gli incidenti, accolgono gli ideali e le norme comporta- mentali impartite da Fraternità della Strada. Questo gratificante impegno viene reso pubblico e continuativo mediante l’esposizione del simbolo dell’associazione sul proprio veicolo, equipaggiamento o abbigliamento.
Per ciò che riguarda il comportamento sulle strade, l’aderente si impegna a:
– Accertare periodicamente la propria idoneità fisica e guidare solo se in adeguate condizioni fisiche e psichiche;
– Osservare scrupolosamente le norme stradali, senza pericolose eccezioni e distrazioni dalla guida.
– Aumentare la propria competenza (ad es. frequentando Corsi di Primo Soccorso) e migliorare la propria guida e il proprio comportamento in ogni aspetto dell’utenza stradale (pedone, ciclista, automobilista, ecc.).


– Rendersi per quanto possibile disponibile verso chi avesse “effettivo” bisogno di aiuto sulle strade e porsi eventualmente a disposizione di Agenti e Personale medico, nel caso di incidenti, a titolo ovviamente gratuito.


– Aderire in modo generoso e razionale, per coloro che ne avessero la possibilità, a eventuali richieste urgenti di plasma sanguigno e sostenere ogni utile iniziativa, come ad esempio la donazione di organi.


– Rinunciare categoricamente a reazioni verso provocatori o violenti, facendo piuttosto opera di pacificazione tra parti avverse (chiamando se necessario le Forze dell’Ordine).


– Contribuire a rendere scorrevole la circolazione, effettuando parcheggi accurati, agevolando l’immissione di altri nel traffico o il passaggio dei pedoni e di tutti gli utenti deboli.


– Imporsi e mantenere un comportamento “sempre” corretto, tollerante e cordiale con “tutti” gli utenti della strada, diffondendo un clima di civismo e di distensione.


– Accertarsi periodicamente dell’efficienza di tutti gli organi del proprio veicolo e utilizzare tutte le possibili misure di sicurezza (cinture, casco, seggiolini per bambini e ogni strumentazione utile).

– Usare i veicoli per necessità e con moderazione, contribuendo così alla diminuzione dell’inquinamento ambientale e acustico e degli sprechi di carburante.

Per ciò che riguarda invece il rapporto con l’associazione, gli aderenti:

  • –  Non hanno specifici obblighi sociali e sono tenuti unicamente al corretto comportamento stradale impartito dal- l’associazione.
  • –  Possono comunque proporsi al Consiglio Direttivo per forme specifiche di collaborazione, accettando il relativo vaglio e ogni decisione in proposito.
  • –  Possono prendere visione di tutti gli atti dell’associazione e chiedere di partecipare alle riunioni del Consiglio.
  • –  Sono invitati a fare conoscere l’esistenza di Fraternità della Strada presso conoscenti e associazioni, senza però perseguire fini collaterali, politici o commerciali.
  • –  Non possono invece intraprendere iniziative pubbliche o rappresentare l’associazione senza accordi e un benestarescritto del Consiglio Direttivo.
  • –  Sono tenuti a comunicare alla sede i propri cambiamenti di recapito.
  • –  Sono invitati a sostenere le attività associative e le forme comunicazionali con sottoscrizioni personali, la cui entitàviene decisa da ciascuno in base alla propria sensibilità. I versamenti vengono registrati e sono verificabili. Le sottoscrizioni possono essere versate con assegni, bonifici, moduli postali e ogni altra forma consentita.
  • –  Il mancato versamento delle sottoscrizioni non comporta il decadimento della qualifica di aderente, ma interrompela ricezione di eventuali notiziari o informazioni, per una ovvia ragione di costi.
  • –  Gli associati “Ad Honorem”, titolo conferito dal Consiglio Direttivo a persone che abbiano compiuto particolariazioni di intervento e di umana solidarietà, non hanno obblighi sociali, né sono tenuti al versamento di quote asso- ciative o di sottoscrizioni (salvo decisioni del tutto personali), ma sono comunque tenuti ad applicare il comporta- mento costantemente corretto comune agli aderenti.
  • –  E’ previsto un rimborso a soci o ad aderenti volontari che sostenessero per conto dell’associazione spese concordate e documentate.
  • –  La qualifica di aderente decade per decesso, dimissioni scritte o per decisione del Consiglio Direttivo nel caso di comportamenti contrari o lesivi nei confronti dell’associazione.
  • –  Per aderire a Fraternità della Strada è sufficiente inviare il modulo di adesione previsto sugli stampati, oppure una dichiarazione scritta, anche in via telematica.DELEGAZIONI LOCALI Gli aderenti con sufficienti requisiti umani e organizzativi possono proporsi al Consiglio Direttivo per formare Delegazioni che curino e diffondano localmente la concezione e le attività di Fraternità della Strada, normalmente in un ambito territoriale “provinciale” e nel pieno rispetto dei princìpi dell’associazione.
    La Delegazione deve contare su una sede che non comporti appesantimenti economici e su un nucleo anche ristretto ma qualificato di collaboratori e, in tutti i casi, al di fuori di qualsiasi condizionamento politico o commerciale. Ogni iniziativa pubblica “locale”, non proveniente cioè dalla sede, dovrà essere sottoposta preventivamente al Consiglio Direttivo e da questi autorizzata.
    Il Consiglio Direttivo, dopo gli incontri previsti per una maggiore conoscenza reciproca e per la fornitura della docu- mentazione relativa alla gestione delle Delegazioni, si riserva ogni decisione in merito.L’ufficializzazione della costituzione di ogni Delegazione esterna viene conferita con un Mandato, sottoscritto dal rappresentante legale a nome dell’Assemblea dei Soci e dal Delegato, della durata di un anno. Salvo disposizione contraria dell’Assemblea dei Soci, il Mandato si intende tacitamente rinnovato di anno in anno. L’Assemblea dei Soci ha comunque la facoltà di revocare tale Mandato in qualsiasi momento, nel caso che il Delegato compia azioni contrarie o lesive nei confronti dell’associazione e dei suoi principi etici e morali.